L’idea è sempre quella: diminuire le tasse ai ricchi e alle imprese con la speranza che i soldi da loro “risparmiati” siano investiti per creare buoni posti di lavoro e magari aumentare i salari, la solita minestra riscaldata.

La proposta di Vitta è di una banalità economica sconcertante, si tratta ne più ne meno delle stesse politiche che hanno condotto tutta l’Europa a sprofondare in una crisi da cui non si vede l’uscita. È la stessa politica economica di Trump e dei suoi precedessori da almeno 60 anni, con il risultato che oggi negli Usa i poveri sono oltre 50 milioni e continuano ad aumentare.

In Svizzera siamo campioni di fiscalità in favore dei ricchi e delle multinazionali da molti decenni e noi classi sociali meno abbienti cosa ci abbiamo guadagnato? Da quando Masoni riuscì ad abbassare le tasse ad oggi, in tutti i cantoni o quasi è stata fatta la stessa politica, con il risultato di aver regalato miliardi di franchi a chi non ne aveva bisogno e subito tagli su tagli. Adesso possiamo scegliere se continuare a giocare allo stesso gioco e ritrovarci tra pochi anni al punto di partenza o imporre alla politica di cercare nuove soluzioni.

Inoltre, negli ultimi anni la situazione internazionale sta cambiando e sempre meno paesi accettano di farsi derubare dal sistema fiscale svizzero. I vari metodi di tassazione “a la carte” di cui dispongono i super ricchi e le multinazionali sono sempre più indigesti anche ai paesi storicamente alleati come Germania, Francia e Italia.

Con la continuazione della politica liberista distruggeremo l’economia locale per proteggere i soldi facili dei turisti fiscali, che presto non ci saranno più. Senza entrate statali non ci saranno più investimenti e sovvenzioni pubbliche, ci saranno nuovi tagli al sociale e agli stipendi degli impiegati pubblici facendo ulteriormente rallentare il circolo economico cantonale ed accrescere la no- stra dipendenza dal sistema “paradiso fiscale”. Lo scandalo della Kering è solo la punta dell’Iceberg e quando i potenti del mondo decreteranno la morte del paradiso fiscale svizzero, se avremo seguito la politica di Vitta, non avremo che gli occhi per piangere.

Leo Schmid, segretario POP

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...